L’estro di Danny Del Monaco

Danny Del Monaco, barman, style artist, esperto di mixology, brand ambassador di Santoni Spirits, emblema della testardaggine, ponte tra tradizione e innovazione, scrittore… Numerosi i titoli a lui attribuiti ma innanzitutto persona più che personaggio, certamente di successo. Di origine irpina trova la sua strada in Toscana, nascendo nella Capitale. Già da ragazzino lavora nelle discoteche e dal raccogliere semplicemente i bicchieri dai tavoli diventa un orgoglio italiano. Sensibile, professionale, buon ascoltatore, riservato. Dedica la sua esistenza al lavoro e ai suoi collaboratori, adottando così tanti figli tra i quali Lindon Zulbeari, al quale, forse col tempo, lascerà il testimone. Naso fine e palato eccellente, inventa il primo catering di cocktail. Gli aggradano gli accostamenti inconsueti, riservato sebbene dalla battuta pronta. In questi giorni gironzola per il lungo Stivale dedicandosi anche alla formazione. Si destreggia con gli spirits come mago Merlino tra le ampolle magiche, perché “negromante” anche lui. Tra le sue innumerevoli idee anche la creazione di un drink a base di Vino Nobile di Montepulciano. Recentemente protagonista di una serata milanese presso la colorata e accogliente location di Malpighi 8. I suoi drink? Da assaggiare. Danny non è esclusivamente uno storyteller dei prodotti ma un atleta che con eleganza e maestria agita gli strumenti diventando lui stesso un protagonista. Conosce in modo approfondito gli ingredienti che sceglie con cura tanto da divenire un tutt’uno con loro. I drink sono armoniosi, dalle giuste consistenze, giustamente alcolici tanto da volerne assaggiare più di uno senza mai esagerare. I profumi sono accattivanti, le vesti sinuose, perché ogni bicchiere ha un suo abito, un suo accessorio, la banalità è lontana. Del Monaco è in continua evoluzione, esigente con se stesso, è un uomo di sostanza, solido nei suoi principi ed è questa la sua forza. Anche se il mestiere scelto lo conduce in giro per il mondo a orari notturni, ha delle resistenti radici che lasciano che la sua chioma sia accarezzata come foglie dal vento, solleticata dalla fantasia… Quando leggete il suo nome, fermatevi, assaggiate le sue creazioni e poi prendete carta e panna, come si faceva una volta… Magari vi verrà in mente un’idea geniale, proprio nel vostro settore.