L’olio Flaminio in un nuovo abito

dav

 

Quando è necessario tirar fuori immaginazione e concretezza l’ingegno italiano si aguzza.

Spuntano le nuove bottigliette dell’umbro olio Flaminio in un formato più piccolo per rallegrare e donare sapore ai cibi prelibati dei ristoranti migliori, scelti personalmente dall’ideatrice Irene Guidobaldi, giovane imprenditrice, volitiva che è stata in prima linea proprio nell’aiutare la branca del cibo e della ristorazione nel periodo del Covid 19. È necessaria una collaborazione tra produttori e clienti che agevoli l’acquisto e il consumo di alimenti che in questo periodo hanno subito un declino a causa del lockdown.

Irene è attenta e premurosa, percepisce le necessità e le difficoltà dei clienti prima che le vengano esplicitate. Boccette contenenti il prezioso liquido, sacro alla dea Atena, sono contenute in un vetro trasparente ben abbigliato di bianco come la purezza e verde come speranza e vegetazione, pronto sui tavoli di alcuni ristoranti tra i quali Big Friends Rome di via Elvia Recina, 24 della Capitale. Il prezioso nettare non solo esalta le pietanze magistralmente preparate dallo chef creativo Antonio Grigoletto ma può essere anche ingrediente principe degli sfiziosi cocktail realizzati dal bartender Luky Lucian… Magari assaggiateli entrambi in modo da poter scoprire come esaltare un olio genuino e percepire che un unico prodotto di qualità regala sensazioni ed emozioni che sprigionano ricordi e puro godimento… Nonché benessere. L’oro verde è copioso di antiossidanti, protegge il fegato, riduce il rischio di cancro al seno, previene il tumore al colon… Innumerevoli le proprietà, oggi tutte a portata di mano!